News

SPORT E LAVORO LE ANALOGIE CHE CI PIACCIONO


UNA ESTATE DI CORSA

Gli articoli di giornale lo testimoniano, i tam tam tra ciclisti parlano spesso di questo, indossi la stessa divisa per un giretto in solitaria e ti fermano per chiederti se fai parte della sua squadra, apri le pagine dei social network e trovi sue nuove imprese quasi ogni giorno…

Sto parlando di Andrea Brunelli che questa estate in sella alla sua bici ha “asfaltato”, termine ciclistico che rende molto bene, le colline dell’Emilia Romagna ottenendo, e questi sono solo i 2 momenti più importanti, 2 everesting di cui uno nel paese di origine e dove tutt’oggi vive Predappio ed uno itinerante.

Potremmo scrivere pagine e pagine sul perché o sul che cosa spinge un Ragazzo di trent’anni ad inforcare la propria bici per ottenere delle prestazioni cosi elevate ma non voglio parlare di questo o meglio, voglio dare spazio all’Andrea Brunelli Dipendente della SIDAC e di come si sia comportato in Azienda durante questa Sua estate da Leone.

Andrea è un macchinista, uno dei ns. migliori macchinisti; il suo foglio presenze relativo a questo periodo di grande impegno fisico parla chiaro: nessuna assenza, nessuna richiesta di cambio turno, nessuna agevolazione!!!

Che cosa significa questo???
Per me moltissimo: Andrea ha coltivato la sua passione senza dimenticarsi che era ed è un gioco.
Un gioco bellissimo, di grandi soddisfazioni, impegnativo, sfidante, ma sempre di un gioco si tratta e per praticarlo, pur a cosi alti livelli, non ha mai mancato di rispetto al suo Lavoro che è rimasto come caposaldo nella sua organizzazione giornaliera.

Andrea non solo ci ha “incantato” con le sue prestazioni, e di questo ne abbiamo le prove degli articoli di giornale, che giustamente gli hanno dedicato spazio, ma, per me ancora più importante, ci ha dimostrato ancora una volta il rispetto che ognuno di noi deve avere per il proprio lavoro e la propria Azienda.

Andrea, come ho già detto, è uno dei ns. migliori macchinisti ed è stato assegnato alla “guida” dell’ultima Rotocalco BOBST 10 colori l’ultima arrivata in casa SIDAC. Ovviamente Andrea, appassionato di motori e della Ferrari in particolar modo, la spinge oltre tutte le volte che la “guida”; d’altra parte andare forte gli viene facile.

Dei ragazzi come Andrea, fortunatamente, ne stiamo tirando su in Azienda; Ragazzi che hanno già in loro il senso del dovere e che facilmente imparano il significato dell’orgoglio di appartenenza.

Non è stato fornito nessun testo alternativo per questa immagine

Ora la domanda è d’obbligo, cosa dobbiamo fare per rendere un Ragazzo come Andrea ancora più bravo??

Dobbiamo insegnarli a “lavorare in qualità”, a creare coesione con la propria squadra di lavoro ed i proprio colleghi, a conoscere fino in fondo le carattaristiche del proprio mestiere e saperle gestire; ecco cosa dobbiamo fare; ad andare forte, anche sul lavoro, quello non glielo dobbiamo insegnare… questa dote Andrea ce l’ha già nel suo DNA.

Dott. Luca Mazzotti - Direttore Generale.

Loading…